Ristrutturazione e interior design

DARK-GREEN AND ORANGE
Un vestito tailor–made

boiserie libreria

Nel cuore di Milano, un’abitazione colta e raffinata racconta una passione per il rigore formale, gli accostamenti materico-cromatici e l’arte nel rispetto della tradizione e della storia del luogo e che, ispirandosi alla qualità e all’esperienza del design italiano trova la chiave per ridisegnare gli ambienti con uno spirito contemporaneo

Nella fattispecie, si è trattato della completa riformulazione degli interni di un classico appartamento milanese di circa 200 metro quadri in un edificio d’epoca nel cuore della città, che, secondo tradizione, inanellava tante piccole stanze lungo un corridoio cieco.

living luminoso

Tutti gli spazi della zona giorno sono stati organizzati in una sequenza fluida e ininterrotta e si affacciano con alte finestre sulla stretta via sottostante. Al centro si trova il living che sui lati comunica, attraverso aperture perfettamente allineate, con lo studio e la stanza da pranzo. Da quest’ultima si raggiunge la cucina, la dispensa e la lavanderia-stireria.

spazi fluidi

le porte scompaiono nella boiserie

spazi fluidi

cucina minimal in acciaio

pareti attrezzate

Le tre camere da letto con servizi dedicati si articolano invece sull’altro lato, che guarda sul cortile-giardino interno. Nel mezzo, tra le due zone, è rimasto il muro di spina, un vincolo strutturale che si è trasformato in un’opportunità. Infatti nella logica di sottolineare l’asse della casa si è rivestito con una boiserie attrezzata in listelli di legno laccati verde scuro che integra e occulta alla vista la porta di ingresso, varie armadiature e tutti i passaggi verso gli ambienti notte. A cascata da questa soluzione sono poi derivate le altre scelte, infatti la boiserie dark green ritorna nello studio, dove riveste tutte le pareti in versione libreria, e nella stanza da pranzo, inglobando le porte scorrevoli che all’occorrenza chiudono entrambi questi ambienti disposti in simmetria ai lati del living.

Il medesimo schema è stato applicato nelle camere, che declinano rivestimenti in resina lucida, pareti attrezzate, librerie, cabine-armadio e, nelle stanze da bagno dedicate, generose superfici in marmo di Carrara, specchi e luci su disegno. Un meraviglioso pavimento forma il tessuto connettivo dell’intro paesaggio domestico: composto dall’innesto di moduli quadrati fine Ottocento in castagno piemontese e listoni in teak provenienti dai pavimenti dismessi di una scuola per l’infanzia.

 

  • Milano / Italia / 2017
  • Residenziale
  • Cliente privato
  • In collaborazione con
    Enrica Massei Interior Designer
  • Fotografie Alberto Ferrero 

bagno in marmo e resina

bagno in resina